Menu

Ruah...

Ecco Gesù, vera vite che mai delude, segno di benedizione, felicità e fecondità.
Chiamati a vivere tutte le dimensioni dell'amore... anche la "potatura" per rimanere in Lui, pienamente.
Innestati nel cuore di Dio per poi vivere la missione che se nasce dalla croce diventa redentiva e luminosa.
La vera morale del resto  è quella della fecondità ... con sole e miele in abbaondanza.

Andare a Gerusalemme è il pellegrinaggio più necessario e l'esperienza più purificante.
Santa per destino divino diventa ogni giorno crocevia di eventi che hanno comunque come unica meta: Dio

Luogo dove si dialoga di più,si prega meglio e l'amore é più forte di ogni separazione
Non solo "ombelico del mondo" ma vangelo che sanguina e consola
Pietra delle pietre che hanno fondato ogni esperienza religiosa e ogni ricerca

Tornare alle origini,nel silenzio,nella preghiera,nello studio,nella condivisione, nella conversione,incontrando pietre vive...
camminando e trovando Colui che l'anima mia vuole cercare ogni giorno e soprattutto qui.

Scelgo di togliere ogni sasso dal cuore perchè vi abiti Gerusalemme.

Città della pace,della preghiera,della carità; luogo ideale e drammatico del Concilio più necessario e tradito: quello del cielo e della terra. la comunione di tutti i figli dell'unico Dio.

Dove il presente e il passato tornano a danzare verso il futuro in un pellegrinaggio che diventa il modo più vero di vivere Dio e la storia umana.

Gerusalemme: Il tuo tempio distrutto totalmente 3 volte..le tue mura assediate circa 25 volte... i tuoi figli dispersi ovunque e le tue urla soffocate e sprecatei
Ma sempre rimpianta, sognata e ricostruita nella geografia divina e nella passione umana

Meta e guida di ogni "uomo viator": con le vie di Dio nel cuore e le bussole impazzite ora dalla gioia ora dai lamenti

Come una colomba che vola tra le fenditure delle tue rocce; come pagina sbiadita del grande e unico Libro che si apre al vento dell'intercessione comune e della geografia della salvezza; come deserto che solo qui può rifiorire al sole della signoria divina;come cercatore stanco vicino al tesoro più grande e nascosto; come cronista che qui si ritrova nella Storia Eterna e finalmente tace e si inginocchia

Tu, Gerusalemme sei icona della nostra vera condizione umana; tenda dell'incontro che Dio prepara ogni giorno per i suoi figli.
Tu, sei l'agape più mistica e più concreta dove il mistero può essere finalmente celebrato in pace e con tutti... eternamente.